Ricerca Sostanze e Discriminazione Olfattiva: capiamo le differenze.

postato in: Articoli, Nosework | 0

Spesso la Ricerca Sostanze (Scent Detection), sportiva od operativa che sia, viene erroneamente confusa con la Discriminazione Olfattiva (Scent Discrimination).

Cerchiamo di capire meglio…innanzitutto parliamo di Odore (Scent).

LEGNETTI2Nella Scent Discrimination o Discriminazione Olfattiva, al cane viene insegnato a discriminare (Ingl.: to discriminate -> discrimination) qualcosa, attraverso un determinato odore.

Chi ha visto o pratica l’Obedience conosce benissimo l’esercizio della discriminazione dei legnetti. Un certo numero di legnetti tutti uguali vengono posizionati a terra. Solo uno di questi ha l’odore del conduttore. Il cane verrà inviato sui legnetti e dovrà riportare quello che ha l’odore del suo conduttore. Il cane effettua una discriminazione, ossia una scelta di qualcosa basata su una differenziazione. Tutti i legnetti sono identici per colore, lunghezza e forma, ma una cosa sola li differenzia: l’odore del conduttore!

LEGNETTIAllo stesso modo potete insegnare al vostro cane a cercare e portarvi, nella cesta della biancheria sporca, i vostri calzini tra i calzini del resto della vostra famiglia. I calzini sono tutti più o meno simili e quello che li differenzierà sarà il vostro odore, ma attenti perché se i vostri calzini sono sempre e solo bianchi e quelli del resto della vostra famiglia sono neri o blu, dopo un po’ il cane inizierà a scegliere su base visiva e non più olfattiva…ma questa è un’altra storia.

 

ben_scentdetectionNell’attività invece di Scent Detection o Ricerca Sostanze, al cane viene insegnato a rilevare (Ingl.: to detect -> detection) l’odore di una sostanza precedentemente imprintata (imprinting della sostanza). Il cane una volta che entra in contatto con l’effluvio odoroso emesso dalla sostanza lo seguirà, fino ad arrivare al punto di massima concentrazione per lui raggiungibile, ed emetterà una determinata risposta comportamentale precedentemente acquisita (seduto, terra, freeze, raspare,ecc..) che fungerà da segnalazione al conduttore.

In questa attività, sportiva o operativa che sia, attraverso l’imprinting della sostanza si viene a formare nella mente del cane, una sorta di database cognitivo o memoria olfattiva, ed i vari target odors (sostanze imprintate) hanno la caratteristica di rendere l’oggetto della ricerca immateriale…ma di nuovo questa è un’altra storia!!

scentTutte le sostanze che vengono imprintate fungeranno da SD (stimolo discriminativo) per l’elicitazione della risposta di segnalazione (seduto, terra, freeze, raspare,ecc..). Ad esempio, un cane che viene imprintato su 6 sostanze, imparerà a dare il comportamento di segnalazione su tutte e 6 le sostanze. Queste memorie olfattive permangono molto a lungo nella mente del cane, e possono far elicitare la risposta acquisita anche dopo mesi di assenza di training. Nei miei test ho potuto verificare che, uno dei miei cani ha dato una segnalazione perfetta dopo 6 mesi che quella sostanza non era stata più allenata ne ricercata. 6 Mesi!

Spero di avervi fatto chiarezza ed incuriosito al tempo stesso e vi suggerisco, se non lo avete mai fatto, di provare a lavorare sulle discipline olfattive con il vostro cane, qualunque essa sia: mantrailing, piste, nosework scent detection, ecc…ne rimarrete affascinati ed il vostro cane vi ringrazierà!

Share