Didattica per cinofili professionisti?…che roba è?

pubblicato in: Articoli, Il tuo Tutor | 0

dogteacherIn molti si saranno sicuramente fatti questa domanda, anche perché nel panorama italiano della cinofilia, rappresenta un evento formativo unico nel suo genere. Premetto che questo tipo di formazione mi venne richiesta, qualche anno fa, da un folto gruppo di giovani colleghi che si erano appena diplomati in diverse scuole di formazione ed avevano iniziato ad affacciarsi al mondo del lavoro dovendo fronteggiare i problemi dei proprietari con i loro cani.

Per quanto lungo possa essere il percorso didattico che la scuola di formazione propone e per quanto tirocinio si faccia, in quel preciso momento si è ancora del tutto immaturi professionalmente e questo è assolutamente normale. Cosa succede di conseguenza? Che si utilizza con modalità copia-incolla la metodologia standard appresa nella scuola di formazione. E’ evidente che quando uno è agli inizi della propria formazione non ha la benché minima idea di quello che poi sarà il mondo reale della consulenza cinofila, e pertanto si verranno a creare delle modalità rigide e standardizzate di intervento, magari concettualmente giuste, che però sono ben lontane dall’approccio elastico necessario per essere un consulente cinofilo di successo.

successo-fallimentoNella relazione uomo e cane il consulente cinofilo deve impiegare la sua esperienza in maniera plastica, per adattarsi al caso che sta affrontando e poter realmente avere un intervento che andrà a buon fine. Di conseguenza avverrà la fidelizzazione del cliente ed il conseguente feedback che permetterà un passaparola positivo.

Un consulente cinofilo non deve essere unicamente un venditore di corsi, ma deve produrre risultati duraturi nel tempo, che abbiano una incidenza positiva nella vita del proprio cliente e del suo cane.

Diverso tempo fa un mio collega mi disse: “La maggior parte dei miei clienti non finisce il corso di educazione, ed a me questo non interessa…a me interessa unicamente che paghino in un unica soluzione, poi fatti loro”.

Rimasi onestamente basito da questa affermazione. A mio avviso l’abbandono da parte dei clienti, salvo specifiche eccezioni, è a tutti gli effetti un fallimento professionale.

successoUn consulente cinofilo professionista, che si paga mutuo e bollette con la sua attività lavorativa deve avere un atteggiamento totalmente differente. Fare bene il proprio lavoro permetterà di rendere cane e proprietario felici ed assicurerà una vita professionale lunga ed appagante.

Il seminario “Didattica per Educatori Cinofili” ti fornirà un approccio adeguato alle tue necessità per innalzare al massimo la qualità della tua attività professionale. Ora che il mercato della cinofilia è saturo di figure quali educatori, addestratori ed istruttori, potersi differenziare fornendo un servizio di qualità maggiore ti permetterà di avere più risultati in questo affascinante, ma difficile, lavoro in cui il cane rappresenta unicamente una delle due facce della medaglia.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.